Facebook: perché mi sono arreso

Molti dei miei amici e conoscenti rimarranno sorpresi quando sapranno che io mi sono arreso a Facebook. Qui proverò a spiegare perché.

Premesso che continuerò a pensare di Facebook tutto il male 'social' possibile, dato che ormai la sua tirannia ha raggiunto livelli planetari. Proprio perché è un cancro che corrode dalle fondamenta la comunicazione virtuale, accetto allora - obtorto collo - la sua tirannia, con l'obiettivo però di piegarlo. Ebbene, il mio spazio didattico è appena nato, ancora è giovane e sono sicuro che con il tempo e le varie esigenze che emergeranno, soprattutto dal confronto schietto con i miei alunni, il profilo del mio sito sarà sempre più definito e ben strutturato.

Siamo quindi agli inizi. Ho considerato che devo attirare l'attenzione degli alunni sui contenuti, sia su quelli didattici (filosofia e scienze umane in particolare) sia più in generale culturali. Dato che gli alunni, nella stragande maggioranza - nella mia attuale quinta solo un'alunna non possiede l'account Facebook - tutti hanno il famigerato profilo. A volte, fatto tutto solo tramite Facebook. Ho voluto quindi intrufolarmi nel loro mondo comunicativo creando una pagina che a sua volta dà visibilità a questo sito. In questo modo potrò aumentare esponenzialmente l'interesse a concentrarsi sui contenuti che io, in quanto docente, posso di volta in volta offrire. Almeno così mi auguro :-).

Se son rose, fioriranno!!

Letto 13315 volte Ultima modifica il Venerdì, 25 Settembre 2015 09:19
Etichettato sotto

4870 commenti

Lascia un commento

Lo spazio didattico ideato dal prof. Fricano, ad uso e consumo dei suoi allievi, sperando che possano migliorare, didatticamente parlando, nell'utilizzo virtuoso della rete.
 
 
 
 

 

creative commons 88x31

Album

Top